صندلی اداری طراحی قالب وردپرس آموزش وردپرس

The gold standard, deflation and fascism in Polanyi's Great Transformation. A multidisciplinary analysis


Abstract


It
Nel 1944, Karl Polanyi pubblica La grande trasformazione, un'opera che sarebbe diventata una pietra miliare nella scienza sociale del XX secolo. Il pregio del suo resoconto storico dei tempi complicati che l'Europa e gli Stati Uniti stavano vivendo tra le due guerre mondiali consiste nella prospettiva più ampia adottata, che tiene conto dell'ascesa e della caduta del liberismo dominante tra il 1815 e il 1914. Secondo Polanyi, delle quattro istituzioni che caratterizzarono la civiltà del XIX secolo – il sistema di equilibrio di potere, il mercato autoregolamentato, lo stato liberale e il gold standard – quest'ultimo fu l'unico a sopravvivere sia alla lunga depressione del 1873-1886, che alla prima guerra mondiale. Polanyi ritiene che il fallimento finale del gold standard durante la Grande Depressione del XX secolo abbia inferto il colpo di grazia al liberismo, spazzando via la democrazia liberale in diversi paesi europei. Questo paper si concentra sulla catena causale che Polanyi enfatizza, collegando il gold standard con la deflazione e il fallimento della democrazia durante gli anni Venti e Trenta. Con riferimento ad alcune opere di storia economica e di sociologia, riguardanti il periodo tra le due guerre, il presente lavoro esamina il grado di accuratezza dell'analisi di Polanyi. A tal proposito, le statistiche che riflettono la dinamica dei movimenti dei prezzi negli anni tra le due guerre ci aiutano a valutare l'adeguatezza della tesi di Polanyi. L'evoluzione del gold standard nel periodo tra le due guerre e l'influenza del fattore economico sull'ascesa del fascismo rappresentano due questioni chiave per il nostro scopo. Infine, il paper si riferisce al caso della socialdemocrazia scandinava, che Polanyi sembra aver trascurato, che ha rappresentato un'alternativa all'economia del laissez-faire in Europa.
En
In 1944, Karl Polanyi published a work that would become a milestone in 20th-century social science, The Great Transformation. His historical account of the difficult times Europe (and the United States) experienced between the two world wars had the virtue of being understood in a broader perspective, the rise and fall of market liberalism that reigned in the developed world from 1815 to 1914. According to Polanyi, of the four institutions that characterized the 19thcentury civilization (the balance-of-power system, the gold standard, the self-regulating market and the liberal state) the gold standard was the only one to survive both the Long Depression of 1873-1886 and the First World War. Polanyi considers that the ultimate failure of gold standard during the Great Depression of the 20th-century delivered the death blow for market liberalism, sweeping liberal democracy away with it in several European countries. This paper focuses on the causal chain Polanyi established in his work, which links the gold standard with deflation and the failure of democracy during the 1920s and 1930s. With the review of some reference works in economic history and sociology concerning the inter-war period this work examines to what extent this three-step causal connection was accurate or not. In addition, statistics reflecting the dynamics of price movements in the inter-war years help us to evaluate Polanyi's thesis. The evolution of gold standard in the inter-war period, and the influence of the economic factor on the rise of fascism represent two key issues for our purpose. Finally, the paper presents evidence of an alternative rupture with the laissez-faire economy in Europe, the Scandinavian social democracy, which Polanyi seems to have overlooked.

DOI Code: 10.1285/i11211156a33n1p113

Keywords: Deflazione; Fascismo; periodo tra le due guerre; Gold Standard; Socialdemocrazia; Deflation; Fascism; Interwar; Gold Standard; Socialdemocracy

Full Text: PDF

Refbacks

  • There are currently no refbacks.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.